Attualità
Disservizi

Pendolari: i comitati rilanciano la petizione per "un servizio ferroviario serio"

Ritardi e soppressioni: i comitati tornano a chiedere alla Regione interventi migliorativi.

Pendolari: i comitati rilanciano la petizione per "un servizio ferroviario serio"
Attualità Legnano e Altomilanese, 29 Settembre 2022 ore 19:41

Pendolari: "Treni che funzionano".

Pendolari: i comitati tornano a chiedere alla Regione interventi migliorativi

E' la richiesta dei comitati lombardi che rilanciano la petizione per "un servizio ferroviario serio". Sono passati due mesi da quando è stata lanciata su Change.org la petizione "I pendolari meritano un sevizio ferroviario serio". "Due mesi durante i quali Rfi e Trenord hanno causato ritardi e soppressioni come se non ci fosse un domani - scrivono i comitati - Cavi elettrici che cadono, passeggeri abbandonati a sé stessi, passaggi a livello guasti, binari e rotaie che si usurano, centinaia di corse del passante ferroviario di Milano cancellate con rimpalli di responsabilità reciproci, linee turistiche (come la Lecco-Tirano) interrotte completamente nel periodo estivo, cioè il periodo di maggior afflusso di turisti in Valtellina, scioperi del personale di Trenord che - anziché causare un danno al datore di lavoro - lo causano ai viaggiatori".

"L'81% dei clienti di Trenord soddisfatto? Ma vi pare possibile?"

"Agli utenti, unici soggetti coinvolti che non hanno diritto di sciopero, è perfino negata la possibilità di confronto con il soggetto che dovrebbe regolare e controllare, giacché Regione Lombardia, nella persona dell'assessore Terzi, da anni ormai nega ogni confronto ai comitati dei pendolari, in spregio alle norme vigenti. In questo quadro apocalittico (ma reale e tangibile), Trenord dice che nel secondo semestre del 2021 l'81% dei clienti di Trenord si dichiara soddisfatto del servizio. Ma vi pare possibile? Siete soddisfatti del servizio ferroviario lombardo? Non pensate che la Lombardia meriti dei treni che funzionano?".

L'appello agli utenti dei treni e a tutti i cittadini

La lettera dei pendolari inviata ai giornali si conclude con un appello gli utenti dei treni e ai cittadini. "Aiutate i firmatari della petizione e i rappresentanti dei Comitati dei pendolari e dei viaggiatori lombardi a chiedere al governo regionale un cambio di rotta sulla gestione e supervisione del trasporto pubblico ferroviario regionale: reale, concreto e immediato! Fai sentire la tua voce! Sottoscrivi la petizione".

Seguici sui nostri canali