Attualità
Le novità

Nuovo regolamento cimiteriale: gli animali d'affezione nella stessa tomba del padrone

Le tombe potranno essere "riutilizzate" dal figlio, dopo l'estumulazione del padre.

Nuovo regolamento cimiteriale: gli animali d'affezione nella stessa tomba del padrone
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 15 Aprile 2022 ore 11:50

Finalmente approvato il nuovo regolamento di polizia mortuaria che disciplina le attività all'interno dei cimiteri di Abbiategrasso, e che non veniva modificato da moltissimi anni.

Le parole dell'assessore Albetti

“Questa variazione segue la modifica già effettuata relativa alla possibilità di inserire all'interno degli stessi loculi più urne funerarie fino a capienza. Modifica accolta molto favorevolmente dalla cittadinanza – spiega l'assessore ai Lavori pubblici Roberto Albetti - Il nuovo regolamento va anche a normare più correttamente l'attività dei marmisti e delle agenzie funerarie che operano all'interno del cimitero, oltre a rimodulare gli anni di concessione. Siamo soddisfatti di aver completato questo regolamento che va a semplificare alcune disposizioni migliorando le possibilità di utilizzo per i cittadini, e che con il nuovo piano regolatore riorganizza e ridisegna gli spazi dei nostri cimiteri completando così il lavoro fatto in questi anni. I nostri cimiteri sono infatti molto amati non soltanto dai cittadini ma anche dagli amministratori”.

Le novità introdotte

Una parte delle disposizioni contenute nel regolamento richiama e riprende la disciplina nazionale e regionale. Un’altra parte delle disposizioni è invece dedicata ad aspetti che non erano presenti nel sistema cimiteriale di Abbiategrasso. Gli aspetti di maggior rilievo riguardano la semplificazione e alleggerimento delle disposizioni
dedicate a epigrafi e monumenti, la revisione della durata delle concessioni cimiteriali, l'introduzione di una disciplina dedicata alla tumulazione degli animali d’affezione nella stessa tomba, e del “riutilizzo”, che consiste nella possibilità di riutilizzare uno spazio di sepoltura per il tempo residuo della concessione (Esempio: riutilizzo la sepoltura del nonno per seppellire il padre, previa estumulazione del nonno. Concessione originaria 60 anni; riutilizzo al 40esimo anno per i residui 20 anni senza corresponsione di tariffa).

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter