Attualità
Scuole

L'Istituto comprensivo accoglie il sensore intelligente

Le scuole di Marcallo, Mesero e Boffalora hanno installato un dispositivo per misurare la Co2 presente nell'aria che indica quando aprire le fineste

L'Istituto comprensivo accoglie il sensore intelligente
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 18 Giugno 2022 ore 10:00

Marcallo, Mesero e Boffalora. Questi i tre Comuni, e il loro Istituto Comprensivo unico - il De Amicis - che ne raccoglie le scuole elementari e medie, è invece la struttura designata. Saranno i primi in provincia di Milano ad avere installato un apparecchio dell’azienda Fybra, un sensore di nuova generazione che permette di conoscere la qualità dell'aria nelle classi. Questo consente di sapere quando è il caso di aprire le finestre per arieggiare le aule, un apparecchio che diventa rosso nel momento in cui è presente troppa anidride carbonica e che torna azzurro quando l'ambiente torna confortevole.

L'Istituto comprensivo accoglie il sensore intelligente

Una tecnologia che, superato, si spera, il periodo del Covid, tornerà utile in tempo di caro bollette, quando aprire le finestre, il prossimo inverno, costerà molto più del solito. Il nuovo dispositivo è stato presentato nel corso di una conferenza dalla preside dell’istituto comprensivo insieme ai sindaci dei tre paesi e i referenti della società che lo ha realizzato.

Il sensore installato nelle scuole di Marcallo, Mesero e Boffalora
Il sensore installato nelle scuole di Marcallo, Mesero e Boffalora

«La possibilità di comprare dei dispositivi di sanificazione dell'aria era alquanto incerta perché ad oggi non ci sono studi scientifici che dimostrano la validità di tali dispositivi. Quindi Fybra ci è sembrata la soluzione più intelligente – ha detto la preside Alessandra Moscatiello - Non solo per assicurare la sanificazione degli ambienti, quindi il ricambio di aria in modo costante quando il dispositivo ci allerta rispetto alla presenza di virus o di altre forme di batteri presenti in aula, ma soprattutto per la capacità che i ragazzi devono sviluppare essendo responsabili dell'azione di aprire e chiudere le finestre qualora il dispositivo smart ci allerti».

«Il nostro settore monitora in modo costante temperatura, umidità e CO2 in tutte le classi in cui viene installato ed essendo dotato di un algoritmo adattivo e predittivo riesce a capire quando è il momento di corretto di aprire e chiudere le finestre per garantire la soglia corretta di ventilazione e di qualità dell'aria, ovviamente tenendo anche sotto controllo la temperatura», spiega Emanuele Brasca direttore commerciale di Fybra.
«Per noi è un investimento che è stato molto importante perché per noi, che siamo una startup milanese che quest'anno festeggiamo un anno di vita, rappresenta la prima installazione in provincia di Milano e di questo siamo molto orgogliosi».

Per il Sindaco di Marcallo Marina Roma «noi comuni siamo sempre impegnati a monitorare i consumi e il buon funzionamento della scuola quindi sapere che questa scelta porta ad un ad una qualche forma di risparmio e ad un miglior utilizzo dei soldi pubblici è fantastico».

«Questa installazione – ha aggiunto Sabina Doniselli, Sindaco di Boffalora -, come diversi interventi che noi Comuni mettiamo in atto nella scuola, è la dimostrazione di quanto ci teniamo alle nostre scuole e di quanta attenzione diamo ai nostri ragazzi e ai nostri bambini».

«Questo dispositivo è soltanto il coronamento di vari passaggi che riguardano l'attenzione che le nostre amministrazioni hanno messo le scuole – chiosa invece il primo cittadino di Mesero Davide Garavaglia -, tant'è che anche durante gli anni della pandemia ci sono stati in tutti i nostri plessi importanti lavori e importanti cantierizzazioni che hanno ammodernato e reso più belle ed efficienti le nostre scuole. I lavori non sono finiti perché ci sono tanti progetti invece in dirittura d'arrivo e speriamo che i nostri interventi siano ancora più incisivi per rendere i nostri ambienti più idonei per i nostri studenti».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter