Attualità
Magenta

La musica come catalizzatore di idee e progetti: ecco MusiC@re

Un’iniziativa del Comune che coinvolge il liceo Musicale Quasimodo, l’artistico Einaudi, le associazioni Totem e Musik factory.

La musica come catalizzatore di idee e progetti: ecco MusiC@re
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 28 Novembre 2021 ore 09:12

La musica come catalizzatore di idee e progetti per il futuro. Presentato martedì in casa Giacobbe, a Magenta, MusiC@re, un’iniziativa del Comune che coinvolge il liceo Musicale Quasimodo, l’artistico Einaudi, le associazioni Totem e Musik factory.
L’idea del sindaco Chiara Calati è di unire le eccellenze musicali della città in un progetto benefico in vista del Natale, che si concretizzerà con le esibizioni dell11 e 12 dicembre al teatro Lirico (ingresso libero su prenotazione) e con la realizzazione di mille cd da vendere per raccogliere fondi a favore di interventi di prevenzione al disagio giovanile, coordinati con la Psichiatria dell’ospedale di Magenta.

La musica come catalizzatore di idee e progetti: ecco MusiC@re

«Abbiamo realizzato una serie di cover di brani famosi raccolte in un cd, con stili e melodie diverse, interpretate dai nostri talenti - spiega il sindaco, interprete di uno dei brani - Un mix di generi e stili, dal classico al rock e pop, per lanciare un messaggio di forza, speranza e unità».
Gli studenti dell’Einaudi, come ha spiegato la dirigente Maria Grazia Pisoni curano la parte grafica del progetto e del cd, e anche alunni delle scuole (Pontevecchio, infanzia Papa Giovanni Paolo II e San Giuseppe lavoratore, Santa Caterina) produrranno temi e disegni che saranno esposti al Lirico. Seam curerà trucco e acconciature delle due serate. Veronica Spada e Lorenzo Di Saverio, docenti del Musicale, hanno descritto il grande entusiasmo dei loro allievi, ormai una sessantina quelli coinvolti, su un palco dopo il lungo lockdown. Un momento d’oro per l’istituto, che dopo le certificazioni Trinity, ha vinto un bando ministeriale per sperimentare ufficialmente la curvatore jazz-pop con laboratori ad hoc.

Music Factory è partner

«Avremo strumenti diversi, dagli archi, ai fiati alle percussioni - spiegano - Generi e arrangiamenti diversi, grazie anche alle collaborazioni con le bande e altre realtà locali». Pre e post produzione firmata Musik factory con Stefano Menescalchi, Fabio Console e Paolo Guadagno e un team conquistato dall’energia del progetto. «Grande professionalità - hanno detto - I brani saranno promossi anche su tutte le piattaforme musicali online e su You tube». Luca Cairati fimerà il racconto delle due serate, tirando un filo rosso tra le note protagoniste. Rotaract promuoverà la raccolta fondi.