Attualità
La ricorrenza

La città è scesa in piazza e nelle vie per festeggiare la Santa Croce

Dopo due anni di stop causa Covid è tornata a Vittuone la Festa di Santa Croce.

La città è scesa in piazza e nelle vie per festeggiare la Santa Croce
Attualità Magenta e Abbiategrasso, 10 Maggio 2022 ore 11:06

La giornata un po’ nuvolosa non ha scoraggiato associazioni, hobbisti e commercianti, con le loro bancarelle, né i tanti vittuonesi che hanno affollato le piazze e le vie cittadine per la Festa di Santa Croce, “tornata” dopo i due anni di stop dovuti alla pandemia.

Associazioni e cittadini in strada

Per tutta la giornata di domenica 8 maggio, dalla mattina, quando ha aperto la festa il concerto del Corpo musicale “Giuseppe Verdi”, fino al pomeriggio inoltrato, Vittuone è stata animata da tanti eventi, musicali, artistici, sportivi, organizzati anche grazie al supporto degli sponsor Carrozzeria Colombo di Vittuone e Polypiù Srl di Corbetta/Magenta.

A fare da primo palcoscenico è stata ancora una volta piazza Italia, dove si sono susseguite esibizioni di arti marziali, ginnastica artistica, danza, senza dimenticare la musica di DJ Francesco. Ma la musica non è mancata neanche in piazza Garibaldi e in via Villoresi, dove si sono esibite alcune band.

9 foto Sfoglia la gallery

Decine di attività per il paese

Passeggiando per le vie di Vittuone si potevano vedere numerose bancarelle di associazioni, hobbisti, commercianti, punti ristoro, ma non è rimasto deluso neanche chi ha interessi artistici. Se la mostra “Nero, rosso e colore” del pittore Gabriele Lisca è stata ospitata nei locali dell’oratorio di San Luigi, le “Terre di Domenico Miserendino” sono state esposte nel laboratorio di via 24 Maggio 1. Con la collaborazione di varie associazioni è poi stata allestita una mostra di pittura in piazza Bartezzaghi.

Particolare interesse ha suscitato l’opera “Maternità”, ben intonata al giorno della festa della mamma, esposta all’entrata del Palazzo comunale e presentata da Mariangela Cerri, cognata dell’autore, il compianto Carlo Chiodini, al cui ingegno si devono anche il monumento che si trova nella piazza Italia stessa e il portale della vicina chiesa parrocchiale, dove è conservata, secondo la tradizione, una reliquia della Croce di Cristo a cui è dedicata la festa.

Non si può concludere il breve racconto della giornata senza ricordare le gare/manifestazioni di basket e volley che si sono svolte rispettivamente al PalaPertini e in piazza Venini.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter