Attualità
Solidarietà

Gli alunni delle Rancilio partecipano alla colletta alimentare

Grande successo per la colletta alimentare a cui hanno partecipato con entusiasmo gli studenti della scuola media Rancilio di Parabiago.

Gli alunni delle Rancilio partecipano alla colletta alimentare
Attualità Legnano e Altomilanese, 05 Dicembre 2021 ore 10:41

La pandemia non ha fermato la solidarietà: gli alunni delle Rancilio di Parabiago hanno partecipato alla colletta alimentare.

La colletta alimentare e l'aiuto dagli alunni delle Rancilio

Si è conclusa la colletta alimentare organizzata dalla scuola secondaria di primo grado Rancilio dell’Istituto Comprensivo di via IV Novembre in occasione della 25esima Giornata della colletta alimentare promossa dal Banco Alimentare. Dopo il successo di maggio che ha rappresentato una prima azione concreta per favorire il raggiungimento degli obiettivi previsti da Agenda 2030, la scuola ha voluto fortemente riproporre l’iniziativa. Gesti concreti, anticipati da una campagna di sensibilizzazione gestita dalle referenti, le professoresse Ricchetti e Borello, per agire ora, per promuovere il cambiamento, per far sì che i ragazzi capiscano cosa voglia dire essere veramente cittadini attivi e responsabili.

"E' un'importante occasione di crescita"

Hanno spiegato dall'Istituto:

"Non si può infatti pensare di poter solo parlare di fame nel mondo, è necessario muoversi in fretta, agire. È così che è nata l’idea di partecipare alla colletta alimentare, in collaborazione anche con la Caritas di Villastanza, una proposta per la quale è stata coinvolta, con l’aiuto dei docenti e del personale scolastico, l’intera scuola secondaria di primo grado Rancilio. Sicuramente una goccia nell’oceano che non risolverà il problema della fame, ma un’importante occasione di crescita".

"Sapere di avere aiutato qualcuno mi fa sentire una persona migliore"

"Sapere di aver aiutato qualcuno, anche indirettamente, mi fa sentire bene e una persona migliore” ha affermato uno dei partecipanti che si sono poi offerti anche come volontari per la raccolta dei generi alimentare presso i supermercati nel finesettimana.

Tonno, olio, carne in scatola, pelati e omogeneizzati alla frutta i prodotti in cima alla lista della spesa. Sostanze fondamentali per sfamare migliaia di persone indigenti il cui numero è aumentato con la pandemia. La raccolta è stata abbondante, tuttavia per i ragazzi non è questo l’esito più grande.

Hanno concluso dall'Istituto:

"Davanti ad un problema enorme come la fame molte volte ci si sente schiacciati e si pensa di non poter fare niente: i ragazzi hanno mostrato invece che in qualche modo è possibile prendere l’iniziativa e ripartire. E tutto questo genera speranza. Nella società comoda e benestante del mondo di oggi è infatti necessario infatti riscoprire il valore della solidarietà e della compassione, intesa proprio come la capacità di farsi carico della sofferenza altrui. Bisogna imparare a resistere contro l’egoismo. Si ringraziano gli alunni, le famiglie e il personale scolastico per la generosità messa in campo".

5 foto Sfoglia la gallery