Attualità

Dieta Mediterranea e benessere

Quando si vuole seguire la dieta mediterranea, la scelta di sostituire il burro con l’olio di oliva è sicuramente un passo fondamentale. Si tratta di un alimento cardine di questa dieta così semplice ma allo stesso tempo così importante

Dieta Mediterranea e benessere
Attualità 02 Novembre 2021 ore 07:32

Con il termine “dieta mediterranea” ci si riferisce a un modo di mangiare che si basa sui piatti della cucina Greca, Italiana e delle altre nazioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

Gli alimenti che compongono questa tipologia di dieta sono molti, ma i più comuni sono: cereali, legumi, frutta, noci, erbe e spezie. Mentre, l’olio di oliva è la fonte principale di grassi aggiunti che si utilizza per la preparazione dei piatti e il loro condimento. L’olio extra vergine di oliva siciliano ad esempio, è da ritenersi una delle scelte migliori che si possono fare. Sia per le sue caratteristiche, sia per il gusto che riesce a donare a ogni piatto.

La Sicilia è una regione italiana che si trova immersa nel Mar Mediterraneo, e che beneficia delle sue caratteristiche. Temperature miti per tutto l’anno, l’influsso della salsedine sulla crescita delle olive e il sole della Sicilia. La fonte di vita che permette agli ulivi siciliani di portare a maturazione le olive e quindi prepararle alla spremitura. Azione che porta all’ultimo passaggio della lavorazione delle olive e quindi a giungere come nettare sulle tavole di tutto il mondo.

Pesce, frutti di mare, latticini e pollame possono beneficiare delle sue caratteristiche e diventare ancora più gustosi.

Grassi sani invece di grassi insani

Come è stato detto, l’olio di oliva è la fonte principale di grassi aggiunti nella dieta mediterranea. All’interno dell’olio di oliva sono presenti dei grassi monoinsaturi che possono essere di aiuto nel ridurre i livelli di colesterolo e di lipoproteine a bassa densità. Questa tipologia di grassi è presente in buona quantità anche nelle noci e alcune tipologie di semi.

Allo stesso tempo, l’utilizzo di pesci grassi come sgombro, aringhe, sardine e tonno bianco apportano una buona percentuale di acidi grassi omega 3. Questa tipologia di grassi polinsaturi sono un aiuto fondamentale nel ridurre le infiammazioni del corpo umano.

Altre caratteristiche degli acidi grassi omega 3 sono:

  • permettono la riduzione dei trigliceridi;
  • riducono la coagulazione del sangue;
  • riducono la possibilità di contrarre degli ictus.

Come inserire gli elementi delle dieta Mediterranea nei propri pasti?

Seguire la dieta Mediterranea può sembrare difficile, ma procedendo per piccoli passi si può riuscire a trarne dei vantaggi senza modificare radicalmente il proprio modo di mangiare.

Per riuscire a farlo, è possibile seguire questi consigli:

  • preparare i propri pasti basandoli su verdure, fagioli e cereali integrali;
  • mangiare pesce almeno due volte alla settimana;
  • utilizzare sempre l’olio di oliva invece del burro nella preparazione dei cibi;
  • sostituire i dessert con frutta di stagione.

È bene ricordare che oltre a seguire uno stile alimentare salutare, si dovrà inserire nella propria routine una serie di attività fisiche. Camminate, passeggiate, corse o sport all’aria aperta sono attività che permettono di allenare il corpo e mantenerlo in perfette condizioni. Fattore determinante se si vuole avere una vita sana, lunga e senza grosse problematiche di salute.

Scegliere di seguire la dieta Mediterranea per alcune persone può sembrare una continua rinuncia, ma utilizzare questi ingredienti e l’olio di oliva come condimento può solo che creare dei piatti gustosi e salutari sotto tutti i punti di vista.