Attualità
Sanità e coronavirus

Amnesty lancia il grido di allarme sulle Rsa

Usb: "I decessi sono correlati alla precarietà del lavoro e al sistema di privatizzazioni che ne impedisce il controllo da parte delle istituzioni competenti".

Amnesty lancia il grido di allarme sulle Rsa
Attualità Bassa Comasca, 23 Ottobre 2021 ore 14:08

Unione Sindacale di Base (Usb): "Amnesty lancia il grido di allarme sulle Rsa. Le problematiche riportate nel report riguardano soprattutto i diritti dei lavoratori, ma hanno conseguenze pesantissime anche sul diritto alla salute di chi nelle strutture è ricoverato".

Amnesty lancia il grido di allarme sulle Rsa

Nel report pubblicato ieri, 22 ottobre, Amnesty International mette in luce le criticità esistenti nel sistema socio-assistenziale e che sono fortemente emerse con la pandemia. L'Usb ha fortemente contribuito alla realizzazione di questo documento, collaborando pienamente con i ricercatori di Amnesty. Un estratto del report:

“Operatrici e operatori sanitari e sociosanitari delle strutture residenziali sono stati in prima linea nella lotta contro la pandemia da Covid-19 e sono stati elogiati dal governo italiano per il duro lavoro svolto in condizioni terribili. Tuttavia, queste stesse persone sono state ridotte al silenzio dai loro datori di lavoro quando hanno cercato di esprimere preoccupazione sul trattamento degli ospiti anziani e sulla propria sicurezza”, ha dichiarato Marco Perolini, ricercatore di Amnesty International sull’Europa occidentale.

Il rilancio di Usb

"Come dimostrano le decine di migliaia di decessi, il calpestare i diritti dei lavoratori può aver portato ad altre più gravi conseguenze. I decessi, a nostro avviso, sono in gran parte correlate alla precarietà del lavoro, ampiamente diffusa, così come al sistema di privatizzazioni che di fatto ne impedisce il controllo da parte delle istituzioni competenti, regione e Ats su tutte. Tutti questi temi sono al centro di ricorsi che l'Usb ha presentato alle procure e che rischiano di fare la fine di quello sul Trivulzio, per il quale la procura di Milano ha richiesto l'archiviazione. Per riaccendere le luci su questa situazione, coinvolgendo i comitati dei parenti delle vittime e le istituzioni protagoniste in questa immane tragedia, Amnesty International e l'Usb presenteranno insieme i contenuti del report a Milano, città simbolo di questa modalità di gestione delle Rsa che nella sola Lombardia stimiamo possa essere costata più di 10.000 vittime dentro le strutture".
La data verrà resa nota i primi giorni della prossima settimana.