Menu
Cerca
Nella Sala degli stemmi

2 Giugno a Legnano: la Costituzione in dono ai 18enni neo cittadini italiani

I quattro giovani presenti alla cerimonia rappresentavano idealmente tutte le 185 persone che, dall’inizio dell’anno, hanno ottenuto la cittadinanza italiana in città.

2 Giugno a Legnano: la Costituzione in dono ai 18enni neo cittadini italiani
Attualità Legnano e Altomilanese, 02 Giugno 2021 ore 12:19

2 Giugno a Legnano con la consegna di una copia della Costituzione italiana a quattro 18enni neo cittadini italiani.

2 Giugno: l'Amministrazione comunale consegna la Costituzione a quattro 18enni  neo cittadini italiani

La cerimonia si è tenuta nella Sala degli stemmi del Comune. Oltre a una copia della legge fondamentale dello Stato, i quattro ragazzi hanno ricevuto anche una lettera del sindaco Lorenzo Radice. A Georgiev Zlatkov (Bulgaria), Giorgia Nikaj (Albania), Jia Xing Jiang (Repubblica popolare cinese) e Mohamed el Habib Ben Ounaissa (El Salvador), il primo cittadino ha scritto: "E' un piacere per me consegnarvi, a nome della Città di Legnano, queste copie della Costituzione italiana. Come saprete, si tratta della Legge fondamentale del nostro Stato, di un punto di riferimento per tutti gli italiani. Il giorno in cui siete diventati cittadini di questo Stato, infatti, avete giurato di osservare fedelmente la Costituzione e le leggi della Repubblica Italiana. Questo libretto è quindi un oggetto che vi accompagnerà sempre: qui troverete i principi fondamentali del nostro Stato e il suo ordinamento. Ed è proprio nelle pagine iniziali di questo testo che troverete, nei primi dodici articoli, quelli che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito i concetti fondanti su cui si basa la nostra civile convivenza di cittadini italiani. Sono riassunti in poco più di due pagine il riconoscimento e il rispetto delle diversità per lingua, religione e opinioni politiche, la tutela del patrimonio e del paesaggio, lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica, la tutela di chi è straniero e il diritto d’asilo, il rifiuto della guerra, la bandiera. Sono principi messi nero su bianco oltre settant’anni fa, ma sempre attuali e, soprattutto, sempre da riaffermare con forza nella vita di tutti i giorni. Questo impegno vale per chi è nato italiano e per chi, come voi, è voluto diventare italiano. So bene che ottenere la cittadinanza italiana, oggi, è un traguardo importante per chi, come voi, ha scelto il nostro Paese. So anche che è un traguardo raggiunto con molte difficoltà e soltanto dopo molti anni. Voi avete dovuto attendere di essere maggiorenni per ottenere la cittadinanza; eppure in Italia siete cresciuti e vivete da diversi anni, avete i vostri amici, andate a scuola o al lavoro. Voi oggi non siete persone diverse da quelle che eravate prima di diventare Italiani. Oggi avete acquisito dei diritti che prima non avevate, diritti che, per tutti noi che ne godiamo, comportano dei doveri. E il primo dovere è essere buoni cittadini. Vi auguro un lungo e proficuo cammino nella nostra comunità".

In rappresentanza di tutti coloro che hanno ottenuto la cittadinanza italiana in città da inizio anno

I quattro giovani presenti alla cerimonia oggi rappresentavano idealmente tutte le 185 persone che, dall’inizio dell’anno, hanno ottenuto a Legnano la cittadinanza italiana e che sarebbe stato impossibile ricevere per le normative anti Covid vigenti. Alla cerimonia era presente anche l'assessore alla Comunità inclusiva Ilaria Maffei.