Comune di Abbiategrasso

Percepisci il reddito di cittadinanza? Renditi utile alla città

Il Comune di Abbiategrasso ha individuato i progetti utili alla collettività nei quali saranno impiegati i cittadini che percepiscono il reddito

Percepisci il reddito di cittadinanza? Renditi utile alla città
Magenta e Abbiategrasso, 22 Ottobre 2020 ore 11:48

Il Comune di Abbiategrasso ha individuato i progetti utili alla collettività nei quali saranno impiegati i cittadini che percepiscono il reddito.

Percepisci il reddito di cittadinanza? Renditi utile alla città

Chi percepisce il reddito di cittadinanza dovrà rendersi utile alla città. Con una delibera di Giunta l’Amministrazione comunale ha infatti individuato i Progetti utili alla collettività (Puc) nei quali saranno impiegati i cittadini che percepiscono il reddito di cittadinanza. Secondo le disposizioni di legge infatti i beneficiari del reddito sono tenuti ad offrire la propria disponibilità per la partecipazione a progetti utili alla collettività in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, da svolgere presso il comune di residenza, mettendo a disposizione dalle otto alle sedici ore a settimana.

I progetti individuati dalla Giunta spaziano tra diversi campi: sostegno allo svolgimento delle attività di ingresso e uscita dalle strutture educative e dai plessi scolastici presenti sul territorio, anche al fine di prevenire gli assembramenti nell’ambito delle misure di contenimento dell’emergenza da virus Sars-Cov2; supporto alle attività delle associazioni, agli enti e soggetti del terzo settore che realizzano sul territorio del comune interventi di supporto alle attività scolastiche quali: pedibus/walking bus, spazi compiti; assistenza alle manifestazioni ed eventi comunali e guardiania; supporto all’azienda partecipata AMAGA negli interventi di pulizia e piccoli interventi manutentivi nelle aree verdi, censimento arredi presenti nelle aree comunali; piccola manutenzione, pulizie anche in supporto all’utenza già in carico al Sad gestito da Assp azienda speciale comunale; attività di back-office e assistenza al personale per tutti i lavori interni che sono necessari negli uffici comunali; attività contingenti necessità dell’Ente anche in relazione alle specifiche professionalità del percettore del reddito di cittadinanza; attività di supporto allo sportello immigrazione nell’accoglienza dei cittadini; attività di supporto ai cittadini nella predisposizione di documentazione per domande a diverso titolo di servizi, interventi, soprattutto in relazione alle domande da presentare on Line; supporto nei trasporti sociali, già gestiti da Assp, a favore di anziani e disabili; supporto agli operatori comunali di custodia sociale nelle attività ordinarie, nell’ambito delle misure di prevenzione degli effetti delle ondate di calore e di freddo e nell’ambito degli interventi di assistenza alla popolazione durante periodi di emergenza.

“Con questo atto andiamo a individuare le aree di utilità – spiega l’assessore alle Politiche sociali Rosella Petrali – Il prossimo passo sarà iniziare a definire i progetti individuali per l’abbinamento tra le risorse personali del percettore di reddito e le aree di intervento”.

“Come indicato anche dalle direttive ministeriali, è importante che chi recepisce il reddito di cittadinanza si renda utile alla collettività – commenta il sindaco Cesare Nai – Inoltre riteniamo che per gli stessi percettori del contributo sia importante sentirsi parte attiva della società rendendo un servizio al proprio Comune”. TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia