Glocal news
In primo grado

Sorprese la ex appartata col fidanzato in un mulino abbandonato e lo uccise: ergastolo

A quasi un anno dal brutale omicidio di Daniele Tanzi, 18 anni, arriva la prima sentenza di condanna per il suo assassino.

Sorprese la ex appartata col fidanzato in un mulino abbandonato e lo uccise: ergastolo
Glocal news 12 Aprile 2022 ore 09:04

A quasi un anno dalla tragica notte in cui perse la vita Daniele Tanzi, 18enne di Casalmaggiore (Cremona), arriva la prima sentenza di condanna per il suo assassino. Patrick Mallardo, 20 anni, è stato condannato in primo grado all'ergastolo. Il 20enne originario di Parma, nella notte tra il 4 e il 5 maggio 2022, accecato dalla gelosia, aveva ucciso con 33 pugnalate il 18enne cremasco che all'epoca era il nuovo fidanzato di Maria Teresa, ex ragazza di Patrick.

Ergastolo per Patrick Mallardo: aveva ucciso a coltellate il fidanzato della sua ex

A distanza di un anno è giunta la prima sentenza di condanna per l'assassinio di Daniele Tanzi, 18enne di Casalmaggiore (Cremona). Come raccontato da Prima Cremona, il 20enne Patrick Mallardo è stato condannato all'ergastolo in primo grado davanti alla Corte d'Assise di Parma. La sentenza, come detto, è giunta oggi, lunedì 11 aprile 2022, a quasi un anno dal brutale omicidio del 18enne cremasco. Daniele Tanzi, infatti, è stato ucciso a coltellate nella notte tra il 4 e il 5 maggio 2022. Ad impugnare l'arma da taglio è stato proprio il 19enne che, il giorno dopo il gesto estremo ha confessato tutto quanto alla Procura di Parma.

La notte del delitto

Come affermato il precedenza, Daniele è stato trovato senza vita la notte tra martedì 4 e mercoledì 5 maggio 2021 presso l'ex Molino di Parma, abbandonato in via Volturno. Il 18enne cremasco è stato assassinato con 33 coltellate all'addome e al torace. Al momento dell'omicidio, con lui, si trovava anche Maria Teresa, la sua fidanzata, anch'essa rimasta coinvolta con ferite lievi e poi medicata al pronto soccorso di Parma.

Nonostante il massimo riserbo nelle indagini, gli inquirenti avevano fin da subito fermato l'ex fidanzato di Maria Teresa, ossia proprio Patrick Mallardo, per il quale si era ipotizzato un movente passionale.

La confessione

Secondo la ricostruzione degli inquirenti il 20enne sarebbe arrivato all'interno dell'edificio con l'idea di uccidere entrambi: sia Daniele che Maria Teresa. Dopo l'omicidio si è cambiato, utilizzando dei vestiti puliti che si era portato da casa. Fu lo stesso Mallardo a chiamare poi i soccorsi simulando un'aggressione.

Quando i poliziotti arrivarono sul posto trovarono il corpo senza vita di Daniele Tanzi e la ragazza, 19 anni, leggermente ferita e portata in ospedale per le medicazioni. Mallardo, messo alle strette, dopo 10 ore di interrogatorio crollò ammettendo le proprie responsabilità: era stato lui ad aggredirli, con un coltello da cucina che si era portato da casa. Così la verità sul movente passionale e un delitto assurdo emerse in ogni sfaccettatura. L’arma venne ritrovata nel canale adiacente al palazzo abbandonato, unitamente ad una felpa insanguinata.

Nessuna premeditazione

Oggi, lunedì 11 aprile 2022, dunque, la Corte di Assise ha pronunciato la sentenza al termine del processo di primo grado: ergastolo. Per i giudici non c'è stata la premeditazione, come invece richiesto dal pm, ma al giovane imputato sono stati riconosciuti i futili motivi.

Mallardo, secondo la sentenza della Corte presieduta dal giudice Alessandro Conti, oltre alle spese processuali, dovrà pagare una provvisionale di 300 mila euro per la madre di Tanzi, di altri 300mila per il padre e di 170 mila euro per ciascuno degli altri figli. Mallardo è stato invece assolto dall'accusa di maltrattamenti nei confronti dell'ex fidanzata. Non si esclude il ricorso in appello.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter