Menu
Cerca
Regione Lombardia

Oltre 5milioni di euro a scuole primarie e istituti professionali

L'avanzo di amministrazione di Regione Lombardia, ottenuto dal taglio dei vitalizi, sarà destinato alle scuole dei comuni lombardi con meno di 5mila abitanti

Glocal news 11 Maggio 2021 ore 15:41

Con la delibera n.80 del 26 aprile 2021 approvata dall'Ufficio di Presidenza, e votata nella mattinata in sede di consiliare, Regione Lombardia ha destinato oltre 5 milioni di euro dell'avanzo di amministrazione al mondo delle scuole. Ad annunciarlo il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi insieme agli altri componenti dell’Ufficio di Presidenza: i Vice Presidenti Francesca Brianza e Carlo Borghetti e i Consiglieri Segretari Giovanni Malanchini e Dario Violi.

GUARDA IL VIDEO 

Un importante sostegno per le scuole

Il contributo di 5.142.595 euro sarà destinato alle scuole primarie, dei Comuni lombardi con meno di 5mila abitanti e agli istituti di formazione professionale accreditati. Dovrà essere destinato per progetti di investimento e innovazione in dotazioni tecnologiche. Nello specifico alle 803 scuole primarie, rientranti nei parametri, saranno destinati 4.435.053 euro. Mentre 607.541 euro saranno destinati ai 110 istituti professionali accreditati.

Il provvedimento destinerà inoltre una somma di 100mila euro anche al Corpo dei Vigili del Fuoco della Lombardia.

Il commento del Presidente Fermi

Durante la conferenza stampa di presentazione del provvedimento il Presidente del consiglio regionale Fermi si è così espresso:

"Questa iniziativa nasce da una disponibilità particolarmente ampia di risorse, a disposizione di Regione Lombardia, che deriva in larga parte dai risparmi del taglio dei vitalizi. Di fronte ad una cifra così importante, noi dell'Ufficio di Presidenza, abbiamo deciso all'unanimità di destinare i fondi a coloro che sono stati tra i grandi esclusi di questa pandemia: i più piccoli. Ed in particolare abbiamo pensato alle scuole dei piccoli comuni. Gli istituti che più di tutti hanno sofferto le difficoltà della DAD".