Menu
Cerca
rho

Una targa in memoria del dottor Santoro, morto per Covid

“Quando il proprio lavoro è rispondere al bisogno degli altri, non ci si tira indietro anche se il prezzo da pagare è la propria vita” questa la frase incisa sulla targa svelata domenica 18 aprile alla presenza della famiglia

Una targa in memoria del dottor Santoro, morto per Covid
Eventi Rhodense, 19 Aprile 2021 ore 10:04

Domenica 18 aprile 2021 è stata svelata la targa in memoria del dottor Alberto Santoro, stimato medico di base di Rho, deceduto il 19 aprile 2020 dopo aver contratto il virus all’età di 69 anni.

Una targa in memoria del dottor Santoro, morto per Covid

La targa dedicata al dottor Alberto Santoro, stimato medico di base di Rho, deceduto il 19 aprile 2020 dopo aver contratto il virus all’età di 69 anni, è stata posizionata vicino al suo studio nel Parco di via Santorre di Santarosa, entrata da via Fosse Ardeatine e riporta la frase “Quando il proprio lavoro è rispondere al bisogno degli altri, non ci si tira indietro anche se il prezzo da pagare è la propria vita.”

Alla breve e sentita cerimonia oltre al Sindaco Pietro Romano e la Giunta erano presenti la moglie Antonietta e i familiari del dottor Santoro, la presidente del Consiglio comunale Marisa Sinigaglia, il consigliere Lorella Borghetti, firmatario della mozione votata in Consiglio all’unanimità, il dottor Vincenzo Maerna, collega e coordinatore dei medici di base e il consigliere e collega dottor Fulvio Caselli.

Le sentite parole dei presenti

Inizialmente l’assessore Gianluigi Forloni ha ricordato l’importanza della cerimonia dedicata a un medico molto apprezzato dalla comunità rhodense e ha invitato a parlare la consigliera Lorella Borghetti

 “Sono molto lieta di potere ricordare oggi il dott. Santoro, per me un grande uomo e un grande amico. Ringrazio il sindaco la Giunta e il consiglio anche da parte della famiglia, presente a questa cerimonia, per la testimonianza di affetto. Che il dottor Santoro sia un esempio di vita come uomo, come padre e come medico.”

La parola è passata al dottor Fulvio Caselli, consigliere comunale e collega del dottor Santoro

“È doveroso ricordare il mio collega e parlare della situazione nelle mia duplice veste di consigliere e medico di base. Sono coinvolto come tutti i miei colleghi da questa situazione che ci ha portato via il dott. Santoro. Aveva il suo ambulatorio a 80 metri dal mio. Il primo pensiero è stato che poteva accadere anche a me; è una cosa che da allora ha cambiato il mio approccio alla professione, non perché prima uno non si impegnasse, ma perché mi sono reso conto appieno di quanto fossimo noi il riferimento delle persone e di quanto bisogno c’è di questa figura che col passare del tempo ha perso importanza. La categoria è stata poco aiutata nel suo lavoro ed è triste sapere che anche nella seconda ondata sono morti 154 medici di base in Italia. Abbraccio forte la famiglia di Alberto e i miei colleghi, perché so quanta fatica facciamo e quanto rischiamo ogni giorno la vita. Spero che tutti ci rendiamo conto del valore che abbiamo: una sanità pubblica, territoriale e presente”.

Il dottor Vincenzo Maerna, coordinatore dei medici di base , ha preso la parola con grande emozione

“Volevo ringraziare l’amministrazione comunale per questo gesto di sensibilità che ci ricorda la figura del nostro collega e amico Alberto. E’ stato strappato all’affetto dei suoi cari a due mesi dalla pensione. I medici caduti sono 254 e sono tutti testimoni di quello che è successo e di chi ci ha messo in queste condizioni. Hanno cercato di dare la colpa a noi e tutte le sere la televisione o la stampa incolpava i medici di base. Ricordo le parole della canzone “Soldato ignoto” del 1918 scritta da Giovanni Gaeta in cui si ritrovano le condizioni della vita di chi viveva in trincea paragonabile alla vita del medico di base confrontata No, Generale! I fanti non son vili. Questo siamo stati noi.”

Ha infine concluso il sindaco Pietro Romano

“Innanzitutto manifesto la mia vicinanza allafamiglia del dottor Santoro, a un anno di distanza dalla sua scomparsa. Questa è un’iniziativa proposta dalla consigliera Lorella Borghetti accolta all’unanimità dal consiglio comunale che rappresenta tutta la città, per ricordare e commemorare la figura del dottor Santoro, una persona stimata da tutti per la sua professionalità e per la sua umanità. Una persona che ha perso la vita nell’adempimento del proprio dovere. Queste parole si usano normalmente per ricordare i militari che hanno perso la vita in guerra. Ma adesso valgono per i medici che combattono questa malattia in prima linea e che difendono i loro pazienti come i soldati difendevano la patria. Il dott. Santoro è rimasto fedele al giuramento d’Ippocrate, le cui parole trovano davvero senso in questi momenti difficili. È un peccato che la figura del medico di base sia spesso sottovalutata, mentre in questo periodi di pandemia sono il vero argine contro la malattia. Nel ricordare la figura del dottor  Santoro voglio estendere i ringraziamenti a tutti i medici di base che ogni giorno continuano nella battaglia contro il Covid. La nostra città è stata duramente colpita e alto è il numero delle morti per covid che ad oggi sono 256 e certamente aumenteranno nei prossimi giorni. La città ricorderà tutte le vittime con un monumento. E’ giusto ricordare con questa targa il dott. Santoro, un gesto sentito oltre che doveroso”.